Archivio Notizie: 2020 - 2019 - 2018 - 2017 - 2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - 2011
CI LASCIA IL PROF. DOMENICO RUOCCO
02/12/2011 21:47
Appena giunta la notizia della scomparsa del Prof. Domenico Ruocco, si riporta di seguito l'e-mail ricevuta:
Apprendo con infinita tristezza della scomparsa di un illustre e benemerito figlio di Massa Lubrense: il Prof. Domenico Ruocco. Amici e parenti saluteranno l'arrivo della salma, proveniente da Napoli, domani mattina alle ore 11,30 presso il cimitero dell'Annunziata.
Con la scomparsa di questo nostro grande studioso - professore emerito dell'Università di Genova dopo aver insegnato anche presso gli atenei di Catania e Napoli - tra i maggioori geografi europei - uomo e ricercatore rigoroso, attento e scrupoloso - profondissimo conoscitore della penisola sorrentina - si spegne una delle voci più autorevoli e più critiche a difesa di Massa Lubrense e della sua integrità.
Riecheggia celeberrimo il suo appello per la iberalizzazione degli accessi a mare. Per il Prof. Ruocco la privatizzazione delle coste e degli antichi sentieri rappresentavano un vero oltraggio, il più grave mai perpetrato a danno della popolazione locale.
Ricordiamo che era stato anche consigliere comunale nel 1952 ed aveva iniziato la sua carriera di docente presso la nostra scuola media in Via Roma, di cui era stato anche Preside.
Pur in avanzata età (87 anni) conservava intatto il suo piglio, la sua lucidità di analisi, la ricercatezza dei
dettagli, la sua inesauribile voglia di affrontare nuovi studi, nuove ricerche, nuove pubblicazioni.
La sua produzione bibliografica è vastissima, come notevoli sono anche gli scritti in suo onore, pubblicati dai più disparati settori del mondo accademico, dai suoi estimatori o da suoi studenti.
Ai figli, alla moglie, al fratello, alle sorelle ed ai parenti tutti, le nostre vivissime condoglianze.
Stefano Ruocco a nome personale e di tutti i
soci dell'Archeoclub di Massa Lubrense.
Per chi non conoscesse bene
il Prof. Ruocco, allego la sua biografia tratta dal sito dell'Accademia Pontaniana di Napoli di cui era Socio.




Versione stampabile