Archivio Notizie: 2019 - 2018 - 2017 - 2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - 2011
BUL: BANDA ULTRA LARGA
09/02/2019 09:33
Firmata la convenzione per i lavori alla rete della fibra ottica a banda ultra larga (BUL) con la Open Fiber la società partecipata da due colossi a livello internazionale: l’ENEL e la Cassa Depositi e Prestiti.
I lavori riguardano le cosiddette zone bianche non redditizie, non servite dalla banda larga, non remunerative per il mercato e che necessitano, quindi, di un intervento pubblico attraverso Infratel la società in house del Ministero dello Sviluppo economico e la Regione Campania. Per Massa Lubrense si tratta di circa 500 famiglie della zona compresa tra Termini, Nerano, Metrano, Capodarco, Casa e Schiazzano.
Infratel ed Open Fiber sono la risposta italiana agli obiettivi previsti dall’ Agenda Digitale Europea e della Strategia Italiana per la banda ultra larga. Un piano ambizioso che intende rimediare alla carenza infrastrutturale italiano.
Open Fiber è infatti la società attraverso la quale il Gruppo Enel insieme a Cassa Depositi e Prestiti ha cominciato ad operare nel mercato della fibra ottica italiano. Il vantaggio di Open Fiber è quello di poter approfittare delle infrastrutture dove attualmente passano i cavi dell’energia elettrica riuscendo in questo modo ad accrescere la rete in fibra senza operazioni particolarmente costose ed invasive sul piano strutturale.
Dopo la firma della convenzione tra i rappresentanti della società ed il sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli, nei giorni scorsi sono stati superati gli ultimi problemi di carattere operativo con un incontro al Municipio di Massa Lubrense tra l’ingegnere D’Angelo di Open Fiber, l’assessore Sonia Bernardo, il consigliere delegato Lello Acone, il responsabile del Settore Manutenzione del Comune di Massa Lubrense Monica Coppola e l’ingegnere Roberto Gebbano della Tesem, la società che ha effettuato il monitoraggio elettromagnetico sul territorio di Massa Lubrense.
Le difficoltà da superare erano legate ad una piccola parabola che la società vuole istallare su una delle torri faro del Campo Sportivo Cerulli in modo da evitare lunghi e costosi collegamenti attraverso scavi stradali . Al fine di tutelare la salute pubblica ed alla luce del regolamento approvato dal Consiglio Comunale sulla emissione di onde elettromagnetiche è stato fatto un approfondimento tecnico che ha escluso problemi derivanti alla salute trattandosi di una piccola parabola a bassissima emissione che non necessita neanche della verifica ARPAC.
“Con la firma della Convenzione con Open Fiber -commenta il sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli- si chiude il lungo e tortuoso iter burocratico per colmare una grave lacuna per il nostro territorio ed i nostri cittadini. Finalmente alcune zone di Massa Lubrense come Termini, Nerano, Metrano, Capodarco, Casa e Schiazzano potranno essere serviti dalla rete internet veloce. Si colma in questo modo un grave gap che per la crescita sociale, economica e turistica di una parte importante del nostro territorio, dove vivono e lavorano circa 500 famiglie. Abbiamo fatto per intero la nostra parte e di questo ringrazio di cuore il consigliere delegato Lello Acone, l’assessore Sonia Bernardo ed il servizio manutenzione. Ora ci auguriamo che la società concessionaria del servizio faccia nel più breve tempo possibile i lavori per dotare Massa Lubrense di una importante infrastruttura”.
Versione stampabile