Archivio Notizie: 2020 - 2019 - 2018 - 2017 - 2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - 2011
DUPLICE SUCCESSO DEL NOSTRO POETA GIANNI TERMINIELLO
30/03/2019 19:41
Ancora importanti successi di Gianni al "V Premio “Vitulivaria” – memorial Gerardo Teni” 2019.
Di seguito le sue parole, a seguire le due poesie e in allegato il verbale della commissione:
" ... è immenso il risultato ottenuto nella “tana culturale” di Novoli (LE) dove è molto ma molto difficile
ottenere dei risultati considerando la premiazione di molti autori pugliesi. Unico campano ed unico ad essere premiato in due sezioni diverse ... "

AMARE INUTILMENTE ...


La frenesia della vita scorre veloce…….
sulle dita a raccontare il tempo.

Non è facile per me svegliarmi e non
trovarti al mio fianco, come quel mare
che scorge la riva, ma il vento lo riporta
indietro.

Siamo stati spontanee catene, saldate nel
vivere sempre insieme, una magia di un
unico cuore.

Come è difficile inciampare nel silenzio
dell’anima, ora non più generosa, anche
lei raccoglie il pianto di un tramonto.

Ora respiro la tua fragilità, quando ti ascolto..
perché ti ascolto sempre, anche se ora sei figlia
di quell’universo come me.

Sei una interminabile voglia di sapori, quelli
che uniscono i sensi, salgono le montagne
e ricamano il peso di una mia lacrima.

Si può pensare che ora l’amore sia inutile, forse,
per chi non ha mai amato….ma io sono ancora
qui a cercarti, annuso pezzi di ricordi e li offro
al desiderio di riabbracciarti nell’infinito di una
mia carezza per te.

Sei piuma, sogno, giaciglio di vita, pergamena
di attimi regalati, scia di sorrisi e laguna di luce.

Nulla potrà mai dividerci.


Gianni Terminiello


La storia di una coppia che malgrado l’amarezza della morte che li separa,
vivono sempre insieme.

LIBERTANGO


Lacrima di una volta….ecco la svolta,
si riposa al desiderio di guardarsi
per l’ultima condanna, nello specchio
dell’anima.

Lei pensa….finchè c’è tango, c’è vita,
così nasce la voglia di correre verso
il mare a piedi nudi e ballarci su.

Oppure stringere le mani fredde a chi
sa di morire e quell’abbraccio è un bocciolo
che nasce prima degli altri….finalmente.

Essere per una volta ancora matita tenace,
nel disegnare l’effimero segmento del correre
con il vento e questo forse….è vero sentimento,
o solo un cambiamento….chissà.

Che tango è la vita….forse assaporare la linfa
di una fragilità e chi ama la goccia che fa
traboccare il vaso….è all’inizio di un vero
cambiamento? Ma…

Nelle vene dell’incertezza, sempre presente…..
si cerca l’ingenuo sapore delle cose, quelle che
invadono la memoria delle antiche rose.

E chi bacia l’arsura del tempo…..forse è lì che
fa nascere il coraggio di essere buoni per una volta…
è una svolta.

Non è facile campare delle forbici della mente…..
e tagliare il male e sorridere dei battiti delle emozioni,
quelle che scalpitano nel petto delle stelle.

Così l’alito sparge rimpianti, come il cullarsi di notte
e poi vivere del mattino, senza ricordarsi di quel motivo,
steso al lume ad aspettarci…ma poi non lo ricordiamo più.

Forse libertango è tutto questo e ancora di più, come una
capriola dall’amaca dei desideri, sul terreno della vita…..
e sorridere dei silenziosi vortici di essere felice di esserci….
e danzarci sopra.
Gianni Terminiello

“Libertango” simboleggia la svolta nella discografia musicale, il M.° Astor Piazzolla volle
passare dal tango tradizionale e ormai appiattito al “tango nuevo” delle emozioni. Per chi scrive
come me, Libertango ha voluto essere la svolta di una storia, per passare ad un nuovo modo
di essere e di concepire la vita….per ognuna delle tante persone speciali che ci hanno arricchito
in questa nostra vita.



Versione stampabile