Archivio Notizie: 2021 - 2020 - 2019 - 2018 - 2017 - 2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - 2011
ESCURSIONISTI TEDESCHI DISPERSI IN LOCALITA’ REZZALE
04/10/2012 12:45
Comunicato a cura del Gruppo Volontari P.C. Massa Lubrense

Verso le 15,30 veniva segnalata al Comando dei Carabinieri di Massa Lubrense una richiesta di salvataggio di due escursionisti dispersi a valle del Monte S. Costanzo verso la Baia di Ieranto. A seguito della segnalazione veniva organizzata una squadra di soccorso, che si portava prontamente in Via Campanella, nelle persone del Com.te Sammartano e M.llo Quattromini della Staz. CC di Massa Lubrense, del Vice Com.te Fabiano, dei SS. Ten. Balduccelli Lorenzo, Galano A. Raffaele, Gargiulo Domenico della Polizia Locale di Massa Lubrense, del Capo Nucleo della P.C., dei volontari De Turris Francesco e Giovanni, Pontecorvo Costantino. Le ricerche, nonostante un contatto telefonico purtroppo non continuo e chiaro, che non ha consentito di individuare immediatamente a quale delle torri di guardia vicereali (fine '500) facessero riferimento i dispersi, si sono svolte su diversi fronti: via mare costeggiando Punta Campanella e Baia di Ieranto, via terra verso Ieranto e sul sentiero che parte da Punta Campanella e si tronca sotto località Rezzale; proprio in quest’ultima località venivano individuati i dispersi dal S. Ten. Balduccelli il quale allertava gli altri componenti della squadra di soccorso che li raggiungevano e li accompagnavano a Termini. Questo nuovo intervento testimonia ancora una volta che la collaborazione delle forze in campo non può che portare in tempi rapidi e con efficienza a risultati positivi.
I dispersi, Irene e Michael Siebenaller 53 e 67 anni di Monaco, entusiasti dell’immediatezza e dell’efficienza dei soccorsi ricevuti, hanno individuato quale causa della loro disavventura l’aver seguito alcuni segnali di vernice gialla apposti in diversi siti del percorso intrapreso scambiandoli per indicazioni di associazioni escursionistiche. Purtroppo, l’inconveniente dei simboli apposti per motivi tutt’altro che ludici, ha creato anche in altre occasioni confusioni in escursionisti che si sono dispersi in località Recale costringendoli a richiedere il soccorso delle autorità.

Versione stampabile